Scoutforolimpia.com, chi era costui?


Che sia un bel momento per l'Olimpia lo si capisce anche dal numero di siti e blog che si dilettano a parlarne. Fra i tanti siti apparsi recentemente ce n'è anche uno piuttosto misterioso…
Qualcuno appunto conosce il sito ScoutforOlimpia.com? Per stimolare la memoria visiva questa è la sua home page:

ScoutForOlimpia.com HomePage


Non sembra di sicuro un sito di un tifoso.
Dal nome e dalle tre sezioni che lo compongono - Scouting, Video, Video PBP (Play by Play) - sembrerebbe un sito che fa (o faceva, visto che l'archivio video linkato sembra fermo al 2013) scouting "dedicato" per l'Olimpia ovvero analizzare le prestazioni di giocatori attuali e/o futuri fornendone statistiche, video, etc.
Quindi un servizio forse "professionale" in cui l'accesso alle sezioni di cui sopra richiede l'utilizzo di una password.

Il sito è stato creato il 22 novembre 2012 da qualcuno che si è premurato di nascondere immediatamente i propri dati attraverso un servizio di WHOIS privacy. Quindi è pubblicamente ignoto chi l'abbia registrato: l'Olimpia stessa? Non credo proprio vista l'assenza di qualsiasi copyright, link o riferimento al sito ufficiale. Qualche fornitore effettivo dell'Olimpia? Mah, non c'è nessuna indicazione o riferimento, nemmeno per recuperare le credenziali d'accesso alle parti riservate. Un terzo senza nessun rapporto con l'Olimpia? Mi sembra l'ipotesi più plausibile.

Il tutto è ospitato sui server di Gts Hungary Tavkozlesi Ktf, un hosting provider ungherese, e non risulta in rete alcun link diretto o citazione o presentazione del sito stesso: nessuno sembra mai averne parlato o averne notato l'esistenza.
Tra l'altro non si capisce da una parte la volontà di tenere riservata l'esistenza di questo servizio e dall'altra la registrazione di un dominio esplicito liberamente raggiungibile.

Oh issa ovvero questo scout non mi è nuovo…

In realtà un sito praticamente uguale a ScoutforOlimpia.com io l'avevo già visto e si chiamava scoutforpesaro.com, sito che ora appare disattivo ma fino a giugno del 2014 era praticamente identico a quello "per l'Olimpia":

ScoutForPesaro.com Home Page


Oggi ospitato su un server irlandese, sempre fino a giugno 2014 Scoutforpesaro.com rispondeva allo stesso indirizzo IP ungherese della versione "milanese". Non è però anonimo allo stesso modo, almeno apparentemente. Diciamo che è "diversamente anonimo".

Infatti il WHOIS ci dice che è stato registrato in data 9 febbraio 2010 da Jean Stapleton, una mia coetanea residente a Cipro, che dirige insieme ad Albert Rance la Blue Coat Management Ltd, società irlandese con sede a Dublino. 
La mia coetanea è molto impegnata, infatti figura come titolare di directorship in altre 27 società mentre il suo equivalente Albert Rance, benché settantacinquenne, la batte con lo stesso ruolo in altre 35 società. Se la cosa vi sembra già complicata concentratevi perché non diventa più semplice:  la Blue Coat Management LTD è posseduta al 100% dalla Aldersbrook Enterprises LTD, una società di Londra che controlla altre 7 società oltre alla Blue Coat etc.

A sua volta la Aldersbrook Enterprises LTD è in realtà controllata da Laggan & Associates LTD, società sempre di Londra che, come si evince dal suo sito:

"is an independent firm providing international tax consultancy, corporate and business advisory services…We offer advice on Tax planning, Business Start-ups, Wealth and Assets Protection, Legal Matters, Accounting and Auditing, Trusts.
Our multilingual staff (English, Italian, Romanian, Polish, Russian) work with a diverse international clientele."

Quindi fra le varie competenze della Laggan non sembra esserci una particolare expertise sulle zone miste o il pick'n'roll laterale…
Risalire la catena societaria ci ha fatto capire perché ScoutForPesaro.com fosse registrato dalla nostra Jean Stapleton ma con la mail simonab@laggan-uk.com.

Una educated guess su "simonab" attraverso Linkedin ci fa supporre che il contatto effettivo per il sito possa essere in realtà Simona Belinghieri, dipendente della già citata Laggan & Associates, della quale però escluderei una passione imprenditoriale diretta per il basket italiano: Simona esattamente come Jean è una prestanome, no… suona male…, una rappresentante fiduciaria per qualcuno molto timido e molto schivo che non vuole diffondere urbi et orbi che sostiene di sapere tutto dei giocatori adatti all'esigente pubblico adriatico.

Vù cumprà scouting molto bello, niente caro?

E' lapalissiano che non c'è nessuna evidenza di reali collegamenti o rapporti professionali fra scoutforolimpia.com e l'Olimpia Milano o di scoutforpesaro.com e la Victoria Libertas Pesaro: direi anzi che è del tutto improbabile che Milano o Pesaro utilizzino o abbiano utilizzato, addirittura a pagamento, i servizi di scouting (?) offerti da questi siti che appaiono decisamente dilettanteschi e realizzati in maniera raffazzonata e approssimativa da qualcuno che ha scarsa professionalità e poca dimestichezza con Internet.

La mia ipotesi è che siano siti "demo" ormai abbandonati e rimasti online per sciatteria, siti che qualcuno aveva messo insieme alla bell'e meglio sperando di andare a proporli con successo alle due società, evidentemente (viste le date di messa online) prima a Pesaro e poi a Milano.
Qui però non mi torna una cosa: perché per andare a proporre dei servizi di scouting (?) a due società di basket italiane si predispone e si paga a tutt'oggi (quantomeno nel caso di scoutforpesaro.com) una complicata struttura di società estere, evidentemente di comodo, con sedi e rappresentanti sparsi fra Dublino, Londra e Cipro?

Poi una illuminazione…

"…Scouting o inesistente o sovradimensionato nel prezzo…"

Il 23 novembre 2014 va in onda una puntata di Report e si tratta nuovamente delle vicende della Montepaschi banca e squadra di basket, sul cui fallimento viene intervistato Giuseppe Nigro:

PAOLO MONDANI FUORI CAMPO

Inventori di inni e inventori di bilanci: dopo sette scudetti di fila la società Mens Sana Basket quest’anno è fallita ed è finita in serie B. L’ex Presidente Ferdinando Minucci ha trascorso qualche settimana agli arresti domiciliari. Nell’inchiesta è rimasto impigliato anche il Gran Maestro della massoneria Stefano Bisi, indagato per ricettazione. Insieme ad altri, Minucci avrebbe creato in 7 anni un sistema di fatturazioni false per circa 35 milioni di euro pagando in nero all’estero i giocatori.

GIUSEPPE NIGRO – GIORNALISTA GAZZETTA DELLO SPORT

Questo è un contratto ritrovato nel corso della perquisizione, da 1 milione di dollari, in cui si vede che circa un terzo del contratto è quello depositato in Lega, i restanti due terzi sono pagati o come contratti di immagini e quindi all’estero, sulle società estere dei giocatori o dei loro procuratori, e un’altra parte è pagata come scouting alle agenzie dei giocatori, scouting o inesistente o sovradimensionato nel prezzo, per contribuire ai restanti due terzi. Secondo quello che evidenzia la Guardia di Finanza, i vantaggi per chi formula un contratto del genere sono: evasione Irpef, a causa dell’interposizione, appunto, di queste altre società, evasione dell’Irap, evasione dei contributi previdenziali e assistenziali.

PAOLO MONDANI

Complessivamente Monte Paschi quanto ha dato alla Mens Sana?

GIUSEPPE NIGRO – GIORNALISTA GAZZETTA DELLO SPORT

Dagli inizi degli anni 2000 non meno di 15-20 milioni di euro all’anno sono stati i ricavi complessivi della Mens Sana Basket.

Secondo la Procura di Siena dunque, fra gli escamotage illegali utilizzati per il pagamento in nero dei giocatori c'era quello di fatturare, magari all'estero, servizi inesistenti o gonfiati di scouting.

E qui la pura ipotesi delineata più sopra si fa inquietante. 

Ovvero tra il 2010 e il 2012, nel periodo di massimo splendore di risultati della Mens Sana, c'è stato qualcuno che ha pensato bene di inventarsi una sorta di servizio chiavi in mano "modello Siena" da proporre alla concorrenza? Dove oltre all'apparente servizio personalizzato di scouting era già bello che pronto anche tutto l'impianto di prestanome e società di comodo su cui far transitare i pagamenti extra?

Tipo "Buongiorno società X, se vuoi prendere il giocatore Y spendendo Z invece che Q, posso agevolarti attraverso il sito scoutforX.com che appartiene alla società estera anonima K sulla quale puoi far transitare un terzo di Z, naturalmente esentasse e naturalmente tolta la percentuale R per il mio disturbo".

Ipotesi inquietante ma niente più che una improbabile ipotesi di fantabasket che buttiamo lì per cazzeggiare un po'. 
Anche perché, come dicevo prima, il servizio proposto è talmente rabberciato che nessuno sarebbe così cretino da destinargli, in un bilancio magari certificato, migliaia, centinaia di migliaia o milioni di Euro. Infatti anche il più novellino dei finanzieri a cui capitasse di spulciare i conti di una società sportiva si insospettirebbe per la sproporzione fra l'oggetto miserevole della fornitura e la cifra corrisposta, tanto più se corrisposta all'estero.

Unici ed inimitabili

Cosa dire dunque, per concludere…: che magari qualcuno ci avrà anche provato a replicare il "modello Siena" credendosi (magari per osmosi da frequentazione) molto furbo e molto abile ma sicuramente avrà fallito. 
Perché, come tutti sappiamo, il "modello Siena" era un "groviglio virtuoso" unico ed inimitabile e tale rimarrà nei secoli dei secoli… Amen!
Comments