Emiparesi di circostanza


E' importante essere precisi. Quello che riportiamo da Pesaro non è il sorriso che auspicava Scariolo alla vigilia, è una deformazione dei muscoli facciali che non corrisponde a nessun sentimento di gioia o reale soddisfazione.

Arranchiamo per più di metà del match contro una squadra che nell'ultimo mese era sembrata addirittura inadatta al livello del campionato, risucchiati in un vortice di inefficacia e terrore nonostante un inizio che avrebbe dovuto darci quantomeno fiducia.

Sergio Badoer

Ai tempi del primo titolo europeo con la Spagna Scariolo rilasciò una famosa intervista in cui fece il paragone tra essere allenatori in grado di pilotare una Ferrari (ovvero ad esempio la suddetta Spagna) e allenatori che pilotano al meglio una Fiat. Le due categorie non sarebbero così intercambiabili, chi fa bene con un certo mezzo non è detto che faccia bene con l'altro perché ci sono difficoltà specifiche.

Facciamo finta che l'Olimpia attuale sia una Ferrari (Non lo è se era quella Spagna il termine di paragone ma lo è in termini relativi rispetto al campionato italiano) e accettiamo che Scariolo sia appunto un pilota da Ferrari.
Il problema è che, ora come ora, sembra Badoer.

Non dico Schumacher, non dico Alonso, non dico Raikkonen, non dico nemmeno Massa o Barrichello o Irvine: Badoer. Sembra uno sostituibile dal primo che passa che non andrebbe comunque peggio.
Non abbiamo gioco, non abbiamo gruppo, non abbiamo difesa, non abbiamo convinzione, non abbiamo fiducia: nulla della messa appunto che ti aspetti dal tuo pilota.
Perché non basta avere una Ferrari, comunque devi assettarla per i circuiti che ti aspettano. Altrimenti come ieri, può bastare essere una Ferrari senza assetto solo se gli altri praticamente vanno a piedi.

Orrori assortiti e alla fine Langford

Così, un po' alla rinfusa tipo il nostro gioco...

Gentile binario nel senso che o fa una cosa giusta o una vaccata invereconda e alla fine propende per la seconda ipotesi.
Cook parte bene poi vira direttamente alla paura e delirio dopo aver tentato un alley hoop direttamente a Felix Baumgartner che si spacciava per Hairston. Per fortuna che è in un giorno di luna buona da 3 punti.

Hairston e Fotsis....

Lode ai portatori d'acqua Melli, Chiotti, Basile e soprattutto Stipcevic: gli unici che almeno non ti sembrano in preda ad astratti furori pur nella loro modestia.

Dicevamo, Hairston e Fotsis...

Alla fine poi arriva Langford
Arriva come uno che fino ad 89 anni non ha fatto niente nella vita e poi nel giro di 6 mesi scala l'Everest, attraversa a nuoto la Manica, chiava una annata di conigliette di Playboy, pubblica l'album rock definitivo e si fa ricrescere i capelli.

Bravo eh ma dove cazzo eri prima?

In ogni caso, Hairston e Fotsis...

Difendere "bene"

Tutto è relativo, tutto è dimostrabile o falsificabile basta partire dal contesto adeguato.

Ad esempio prendete la difesa di Hairston sulla schiacciata di Barbour che vale il pareggio. Sembrerebbe una difesa pessima, prima per scelta e poi per esecuzione.

Poi subito dopo, con un time out di mezzo, vedi Flamini prima e poi Crosariol che vanno a marcare Langford.
E tutto diventa relativo.

Due da non utilizzare mai

Ieri è circolata la voce di un'offerta del Maccabi per riprendersi Richard Hendrix. In cambio  Georgi Shermadini più soldi.

Da fare subito se fosse vero? Si. Ma anche no e non tanto perché le cifre della stagione di Shermadini sono attualmente bruttarelle come quelle di Hendrix. O perché non so se il contratto sarebbe oneroso tanto quanto quello di Hendrix.

Il problema è che avremmo due centri dalle caratteristiche fisiche e tecniche molto simili, entrambi con limiti precisi soprattutto nelle situazioni difensive in cui metterli.
D'altro canto avresti una dimensione interna che in Italia nessuno sarebbe in grado di contrastare.

In teoria.
Perchè poi in pratica noi non siamo in grado di utilizzare un centro con quelle caratteristiche, figurarsi due.
Contro Pesaro Bourousis gioca un totale di 14 minuti in cui segna 12 punti con +/- di +10 a fronte di 2 falli fatti. Mentre contro Sassari aveva giocato un totale di 10 minuti con 7 punti a fronte di 1 fallo fatto.

Contro Sassari non poteva giocare perché il diabolico Sacchetti non utilizzava centri e poi con lui in campo il +/- era -17. Allora con Pesaro che utilizza per 29' il paracarro Crosariol giocherà...

No. Se gli altri non hanno un centro, noi giochiamo senza centro. E anche se gli altri hanno un centro noi giochiamo comunque senza centro.
Pensa che libidine che sarebbe non utilizzare mai né BourousisShermadini...

Io e Livio Proli, due dilettanti per l'Olimpia

Trovo sempre buffo quando quelli che nascono come complimenti poi, involontariamente o meno, appaiono come le critiche più feroci.

Ieri in una intervista a Peterson è uscita questa serie di risposte:

Scariolo è ancora il tecnico giusto?
“Io sono un tifoso di Scariolo, volevo lui a Milano quando mi è stato chiesto un parere nel 2011. Ho detto allora che speravo in un suo arrivo e lo confermo. Guardiamo al suo record. Ha fatto finali con sette diverse squadre di club e vinto due titoli europei con la Spagna. Difficile trovargli difetti. Sta attraversando un periodo terrificante e deve risolverlo ma è una persona di grande capacità e intelligenza”
Avrà il tempo necessario per cambiare le cose?
“E’ chiaro che deve succedere qualcosa e anche in fretta”
Gli serve una figura che lo affianchi più forte di quelle che ci sono adesso in società?
“Voglio spezzare una lancia per Livio Proli. Non avesse gli impegni da capo delle aziende di Armani sarebbe un dirigente come Minucci a Siena. Ha grandi capacità”

Praticamente io e Livio Proli siamo uguali. Ogni giorno per otto o più ore ci occupiamo di altro, poi se ci avanza del tempo ci occupiamo dell'Olimpia Milano. 
E' il nostro diletto, ci fa piacere farlo però è chiaro che il tempo è quello che è e le priorità sono altre.

Quindi da una parte abbiamo Minucci che ci pensa otto e più ore al giorno, dall'altra Proli che ci pensa quando può e, dai..., non se la cava malaccio no? Per essere un dilettante intendo...
Poi probabilmente quando lui non può ci pensa il consulente di direzione e, come possiamo toccare con mano, va tutto liscio come l'olio ugualmente.

Insomma fessi gli altri, uno bravo veramente la più titolata società italiana la guida alla grande nei ritagli di tempo...
Comments