Servono 12 giocatori di livello. In campo. Contemporaneamente.


Una delle peculiarità degli ultimi 3 anni dell'Olimpia era la particolare capacità di rilasciare interviste e dichiarazioni irritanti.

Irritanti per variegati e molteplici motivi. Ad esempio perché sembravano tentativi di distorsione assoluta della realtà. Oppure perché dimostravano che chi parla male è perché pensa male e ragione male.

Speravamo che il vento fosse cambiato, che quando avremmo letto  parole targate Olimpia non ci avremmo più trovato Euroleghe come allenamenti, milordini e imborghesiti, massaie che disturbano gli allenamenti con le buste della spesa, mancanze di colore sul perimetro, skipper e pilastri, quello li che fa sempre canestro, etc. etc.
Insomma tutti quei "problemi di comunicazione" che imbufaliscono ulteriormente il tifoso già depresso dai risultati.

Invece post Efes apprendiamo con raccapriccio che il virus della fuffolalia ha infettato anche Sergio Scariolo.
Che ci fa sapere che per andare alle Top 16 sono indispensabili 12 giocatori di livello che evidentemente noi non abbiamo.
Per quello siamo 2 vinte  e 6 perse in Europa, mica per altro...

Ci mancano chiaramente un Bolzonella e un Diviach, last but not least, campioni assoluti che completano il roster stellare di Cantù e le consentono quindi il passaggio alla seconda fase.
Oppure ci manca la Spagna. Ma ci manca non nel senso di nostalgia, nel senso che ci manca tutta la Spagna, da Navarro ai due Gasol.
Quello è un roster che magari un po' a fatica però con buone possibilità può consentire a un povero allenatore di tentare la dfficilissima conquista del passaggio del turno.

Sergio Scariolo non chiede molto. 
Solo 12 giocatori veri da schierare in campo. 

Contemporaneamente.

E li si che vedremo che grande allenatore sa essere se non deve fare le nozze con i fichi secchi come adesso...
Comments