Gregariato di lusso



Mettiamola giù dura nonostante i segnali positivi: se domani ripartisse l'NBA saremmo una squadra in gravi ambasce. 
Perché ho gravi sospetti sul fatto che la nostra costosa campagna acquisti ci abbia portato in casa almeno 3 costosissimi gregarioni con la sinistra tendenza a non (voler) essere protagonisti, soprattutto se non si tratta di mettere al massimo le ciliegine sulla torta.
E il gioco per farli almeno fare gli specialisti latita ancora...

Stasera dunque, senza Gallinari, non saremmo andati da nessuna parte. Soprattutto non avremmo rimontato più volte lo svantaggio in modi che per un attimo ci hanno fatto pensare seriamente all'impresa. 
Perché solo Gallinari ha avuto, nei 40 minuti, la faccia di uno che pensava davvero di poter vincere a Tel Aviv. Non ce l'aveva nemmeno Scariolo che al 5' del primo quarto vedevi già inquadrato con lo sguardo fisso nel vuoto.
Non un bel segnale.

Si può dare di più

Non un bel segnale perché nonostante Schortianidis, nonostante Farmar, nonostante il Maccabi possa permettersi il lusso di tenere in panchina Papanikolau Papaloukas e anche Langford, nonostante la debacle a rimbalzo, la possibilità di giocarsela c'era e si è visto.
Ma è mancato il guizzo dell'essere veramente protagonisti fino alla fine. Che è prima di tutto questione di volontà e, al netto degli errori, la si è vista solo in ordine decrescente in Gallinari, Hairston, Fotsis e Cook.
E appunto, non sono certo di averla vista in panchina...

L'azione

Emblematico sebbene ininfluente il momento dell'antisportivo di Farmar su Gallinari: dopo lo 0/2 di Danilo solo errori da parte nostra negli ultimi secondi come se, scesi dalle sue spalle ormai stanche, tutti si afflosciassero senza più esempi da seguire.

Gregariato dalla Grecia 1: un grosso inutile Sigalas

Un Sigalas molto più grosso. Con più talento ma meno cojones. Allo stesso modo supremamente costoso quanto superfluo.
Stiamo parlando chiaramente di Ioannis Bourousis questa sera umiliato da uno Schortianis in versione Shaq ma senza il prefisso Baby. E per aggiungere insulto all'ingiuria ridicolizzato e tremebondo pure di fronte ad Hendrix.

Fosse un caso sporadico potremmo provare a capire ma siccome sta diventando un costante ci viene in mente Giorgios Sigalas. Che nel 1997-98, nei primi anni di apertura ai comunitari, arrivò alla Stefanel dall'Olympiakos forte di 5 titoli di MVP greco a suggello di 5 titoli nazionali e di una Eurolega.
Rambo Sigalas sembrava uno che potesse spaccare il mondo e invece si palesò come un giocatore tecnicamente modestissimo, senza la capacità di utilizzare il suo fisicone soprattutto in assenza di fischi arbitrali compiacenti.

Bourousis uguale, sembrerebbe devastante ma è sostanzialmente inutile allo stesso modo ma per motivi opposti: tanta tecnica, grinta zero, cazzimma zero, presenza zero. Stasera lo si è visto con il primo lezioso sottomano sbagliato quando aveva tutte le possibilità di schiacciare prepotentemente...

Gregariato dalla Grecia 2: Carraretto con un sacco di soldi

O meglio, un Carraretto più scarso in difesa e che manco tira. Quindi forse meglio dire molto peggio di Carraretto ma con un sacco di soldi.
Stiamo chiaramente parlando di Drew Nicholas o per specificare meglio del suo ectoplasma che vaga per 20 minuti nello Yad Eliahu senza lasciare tracce di sè.
Credo che sia innegabile ormai che quello che protegge dal taglio l'ombra del giocatore che a questo Maccabi nella finale dell'anno scorso segnava 14 punti negli stessi 20 minuti sia un contratto troppo oneroso da transare.

Gregariato dalla Grecia 3: Salvato in extremis

Al trio dei gregarioni unirei anche Fotsis. Che però si salva in questa partita mettendo finalmente in mostra tutto quello che è in grado di fare.
Purtroppo tra le tante cose belle mette in gioco anche scelte ed  errori opinabili in momenti topici ma la partita è positiva.
Il problema è che è la seconda che fa in questa Eurolega dove si sa che avrebbe tutto, dal fisico alla tecnica all'esperienza per essere invece costantemente da protagonista vero su certi livelli di rendimento.

Un pochettino di gioco in più, please

Direi che a questo punto della stagione un pochettino di gioco in più ci piacerebbe vederlo. Certo, stasera abbiamo anche costruito buoni tiri da 3 muovendo la difesa ma la tendenza  al pick'n'roll di salvataggio con isolation finale e tutti immobili intorno è tutt'altro che passata di moda.

E siccome tolto Hairston, la cosa è efficace solo per Danilo (al quale i falli li fischiano mentre a Malik meno...) è chiaro che non ci si sente del tutto in una botte di ferro soprattutto in prospettiva...
Comments