Like a virgin


AJ Milano vs. Eldo Napoli 69 - 60

Rieccoci: virginalmente oggi ho visto per la prima volta l'edizione 2007-2008 dell'Olimpia. Non ho visto amichevoli, non ho visto allenamenti tranne uno, ho letto anche poco alla fine.
Arrivo dunque al Forum con una sola sensazione preliminare e assolutamente di pelle, la sensazione che Markovski possa essere capace di ripetere il miracolo della finale bolognese dello scorso anno. Che poi è stato lo stesso miracolo della finale conquistata dalla banda Lardo 3 anni fa, il miracolo su cui il dinamico duo Natali e Corbelli non è riuscito a costruire a nulla di stabile o di sensato sul piano tecnico.

E allora appunto si riparte da Markvoski che appunto potrebbe fare il miracolo e ugualmente trovarsi scaricato in mala maniera perché sappiamo come vanno le cose in questa Armani Jeans.
Detto ciò la prima partita vista ha ababstanza corroborato questa sensazione: c'è del potenziale in questa squadra ma ci sono anche delle carenza strutturali che dovranno essere ben nascoste per puntare in alto.

Carenze di gioco ma si potrà migliorare e carenze sotto canestro che in campionato sarà più facile nascondere e infatti oggi Shaw e anche Watson sono stati nascosti a lungo e Travis è stato un fattore solo grazie alle precise imbeccate di Bulleri.
Più incisiva l'attività del duo Touré - Sesay che credo possano non far rimpiangere il mancato arrivo di Singleton: hanno doti atletiche e buona duttilità anche se alla lunga potrebbe farsi sentire la mancanza di un lungo un po' più tecnico e classico.

Da un parte non si può dire che la partita sia mai stata veramente a rischio sconfitta. Dall'altra è ugualmente vero che Napoli ci ha dato una mano a non complicarci mai la vita, perdendo malamente tutti i palloni che potevano significare un aggancio o un sorpasso.

I 69 punti segnati, minimo di giornata per le vittorie, segnalano le difficoltà della nostra manovra offensiva. Ci salva un tasso di classe individuale decisamente superiore al passato: abbiamo molti più giocatori in grado di creare dal nulla e dalle situazioni di giochi rotti, sicuramente un vantaggio ma anche un rischio alla lunga.

L'emblema Gaines: l'ex Biella è un attaccante sublime capace di incunearsi con buone possibilità di successo anche fra 4 difensori. Il problema è che tenta di farlo 4 volte su 5 di quelle in cui si trova la palla in mano, il che vuol dire che tanto più la media di successo delle sue 15-20 incursioni obbligate sarà alta, tanto più alte saranno le possibilità di successo dei nostri colori
Oggi le 6 palle perse testimoniano qualche difficoltà di troppo più che altro nelle scelte perché le percentuali di tiro sono state alle fine sufficienti: un Gaines capace di capire meglio quando insistere fino in fondo nella percussione e quando scaricare per i compagni potrebbe diventare davvero illegale.

Mio MVP: faccio finta di non aver visto la palla persa malamente sul pressing messo in piedi per onor di firma da Napoli sul finale e dico Bulleri. Dico Bulleri perché mi è sembrato il giocatore che più si è mosso in sintonia con quello che dovrebbe essere il sistema del coach macedone. Iniziative personali ma capacità di costruire per gli altri senza forzare troppo a lungo l'iniziativa personale stessa.

La bella sorpresa: è stato l'atteggiamento del nostro secondo figlio d'arte, Stefano Gentile che ha dato, in assenza di Gadson, 5 minuti di personalità solo per sfortuna non premiati anche dai primi punti segnati in maglia biancorossa.
Ordinata e nulla più la prova di Aradori mentre Vukcevic dovrà fare molte partite molto più significative prima di far dimenticare il suo primo passaggio milanese e il ricordo di un giocatore capace di fare tutto e che nulla faceva per pura spocchia.

Fuori quota: dulcis in fundo si parla di Danilo Gallinari perché il Giovane Dio si valuta al di fuori delle normali analisi di gioco. Inizia la partita con fatica per problemi di falli e poi la chiude con tutti i suoi punti segnati nell'ultimo quarto, penetrazione più due bombe di difficoltà ennesima.
Anche quest'anno il vero motivo per cui non mancare al Forum.

Comments