La rivincita degli stronzi


Whirlpool Varese vs. AJ Milano 77 – 88

Nelle storie d’amore se uno dei due fa lo stronzo, è d’uopo non subire passivamente. Siccome sono un uomo tutto d’un pezzo dopo martedì ho deciso che avrei fatto il sostenuto: con il piffero che sarei stato non dico a Varese ma nemmeno in casa davanti alla televisione a procurarmi delle extrasistole per chi 3 giorni fa non mi dimostrava nemmeno un po’ di affetto.

No, io sono uscito a ubriacarmi con gli amici, cara Olimpia, io me ne vado e torno quando mi pare. Vuoi riconquistarmi? Fammi vedere cosa sei capace di inventarti per riconquistarmi, mignotta traditrice che non sei altro a volte.

E si non male questa invenzione di andare a vincere netto a Varese, stroncandogli le gambe quando si erano illusi di averci ripreso. Non male davvero.
Anche se mi confermi quanto siete stronzi, talmente stronzi da fare 1 su 22 in casa da tre e poi fiondare il 46% in trasferta, facile come bere un bicchier d’acqua.

Ti amo poi ti odio poi ti amo poi ti odio poi ti amo: tipo Mina insomma. E grazie a Jack Galanda che come al solito ha blaterato anche prima di questa partita: l’unica in cui è stato zitto hanno vinto. Ma che un bel silenzio non fu mai scritto è un concetto difficile sotto il Sacro Monte.

P.S.: Quello li, voglio bene anche a te!

Comments