Tutti all’Hollywood alla faccia di Armani che paga: dite che siete lista Poz…


Le ultime due partite dell'Olimpia che ho visto dal vivo sono state all'insegna degli scarti roboanti, degli alley hoop, di tutti i ragazzini in campo a caccia di gloria. Partite passeggiata insomma.
Il problema sono le partite che non vedo allora, quelle per cui Milano rischia di giocarsi il secondo posto e scivolare invece al quarto con tutto quello che ne consegue in negativo.

Tutto questo quando lo sforzo per stare almeno al secondo posto in un campionato di una povertà tecnica imbarazzante sarebbe davvero minimale.

Su Napoli: della partita odierna va fatto notare che metà dello scarto è merito dell'Olimpia e l'altra metà è demerito di Napoli che gioca ben al di sotto del minimo sindacale.
Il fatto che la reazione di Bucchi al progressivo affondamento sia stata molto distaccata mi fa sospettare che sindacalmente la squadra reclamasse qualcosa e che mancando quel qualcosa di solito sindacalmente si sciopera.
Ma non sono addentro ai segreti partenopei.

Nell'Olimpia mi è piaciuto Bulleri e sapete che per piacere a me Bulleri deve metterci del bello e del buono. Tipo due semi alley hoop ma non innescati da lui, conclusi da lui, tagliando con tempismo sulla linea di fondo. Tipo dei bei tuffi a recuperare palloni. Tipo dei bei passaggi a tagliare il campo in contropiede.

Mi è piaciuto anche Tigella Watson che in borghese sembrerà anche Jay Z però è più bello in campo. Clamorosa la schiacciata con cui rimette in riga Sesay che ha un sussulto solo per fare polemica con Schultze. Clamorosa l'energia che sa mettere in campo sui due lati.

Mi è piaciuto pensare che la stessa squadra che ebbe in campo i gemelli Boselli oggi si è ripetuta con i giovanissimi gemelli Marelli (classe 91) che vanno entrambi a referto.

Non mi è piaciuto scoprire che non si può nemmeno civilmente invitare Natali a dimettersi.

Sarebbe troppo dire che non mi è piaciuto Calabria ma tutto nel suo stare in campo sembra sempre ribadire sofferenza e fatica, una lotta prima di tutto con il fisico che non risponde più.
Sarebbe anche troppo dire che non mi è piaciuto Garris ma molto nel suo stare in campo nelle ultime due partite che ho visto sembra dire che la sua avventura in maglia biancorossa possa essere giunta al capolinea.

Perché, rullo di tamburi, dopo avere deciso che il sostituto di Tusek è Davison che paghiamo uno spoposito di denaro per stare in tribuna visto che, per effetto sicuramente della congiura degli arbitri veneti, si ostina ad avere un passaporto USA, il miglior GM del suo condominio e per fortuna che abita in una villetta monofamiliare ha individuato finalmente il rinforzo adatto al backcourt più anziano, basso e poco atletico della serie A.

In un crescendo rossiniano che parte da Lamma e passa da Bennerman arriviamo allo scongelamento dalle steppe russe di Gianmarco Pozzecco, desideroso di un percorso stellare che lo porti da Mosca a(ll') Hollywood.
Che colpo ragazzi! Una vera bomba che ci esalta come se ci accorgessimo di avere paio di raudi accesi nelle tasche dei jeans proprio all'altezza degli zebedei.

Cosa dovrebbe portare all'Olimpia il sig. Pozzecco? All'Olimpia che ricordiamolo vorrebbe l'Eurolega e cercare quindi di giocarsi lo scudetto. Il sig. Pozzecco del 2007, non quello del 1999 e nemmeno quello delle 10 partite 10 delle Olimpiadi 2004.
Cosa dovrebbe portare colui che ha dichiarato giusto due giorni fa che le aspettative di una Varese che sta faticando ad entrare nei playoff sarebbero troppo elevate per il suo attuale e probabile rendimento? Cosa dovrebbe portare il sig. Pozzecco che a Bologna ha portato lo scudetto solo quando gli è stato gentilmente chiesto di levarsi dai coglioni, lui e i suoi isterismi, lui e le sue scenate da prima donna?
Cosa dovrebbe portare uno che nell'intervista di rientro si è vantato di schifare qualsiasi discorso di gruppo e di squadra nonché di vittoria che si insegue anche a discapito del "divertimento"?

Cito dal Forum della Fossa dei Leoni la seguente valutazione dell'ultimo anno bolognese di Pozzecco in risposta a una agiografia della cosiddetta Mosca Atomica.

Sulla messa fuori squadra ad aprile 2005:

    I rapporti si deteriorano in fretta perchè Pozzecco gioca una stagione ignobile. Al contrario dà spettacolo nelle varie sale da ballo.
    Tra le altre cose fu spesso infortunato ma anche al suo rientro non fornì mai un rendimento decente.

E inoltre sulla sua esperienza russa:

    Bah, per me è rivedibile anche la parte dedicata all'esperienza russa. Grazie a surfer, che tempo fa segnalò un canale cirillico sul quale trasmettono molte partite del campionato russo, ho visto diverse partite nelle quali è stato "protagonista". Guai a ripetizione (come in Italia) e molto campo visto dalla panchina, sia col vecchio che col nuovo coach.
    Altro che "star"...
    Non solo non voglio vederlo mai più con la nostra canotta, nel suo caso sarei favorevole all'attivazione straordinaria del famoso "decreto Alex90" per non fargli mettere più piede a Bologna :-).
    Forza Fortitudo

Questa è l'opinione sull'ultimo Pozzecco della Fossa dei Leoni. Rispetto a uno che si dichiarò fortitudino a vita, dopo il solito migliaio di pantomime...
A proposito dell'esperienza russa inoltre neppure l'agiografia di cui sopra può tacere il fatto che il Khimki stia cercando di sbolognare il pesante contratto di Pozzecco al primo offerente.
Facciamo anche finta che prendere Pozzecco possa servire a qualcosa per questo finale di stagione anche se non ci crede nessuno.
Facciamo finta che se veramente nello spogliatoio Olimpia ci sono divisioni e incomprensioni buttarci in mezzo un altro che pensa solo io, io, io e poi ancora io serva a risolvere la situazione. Facciamo finta che se c'è un allenatore che dice bianco e una squadra che fa rosso, serva uno che fa verde e dice blu.

Vogliamo dire qualcosa sul fatto che il primo acquisto 2008 fatto con i soldi che Armani ha garantito per altri tre anni sarebbe un 35 enne? Spenderemo credo non meno di 200K Euro per un giocatore senza alcun futuro: nel caso si andasse in Eurolega i nostri playmaker sarebbero un 30enne che non arriva ai 190 cm e un 35enne che non arriva ai 180 cm. Non vi sto nemmeno a linkare i roster delle 4 finaliste di Eurolega per farvi vedere altezze ed età medie...

Ma tanto parliamo al vento.
Pozzecco ritorna a rubare l'ultimo stipendio importante della carriera, da scialacquare all'Hollywood con 4 sciampiste, senza l'ostacolo della lingua come in Russia. La grancassa mediatica gazzettara e skyfosa è già pronta ai blocchi di partenza per incensare il personaggio e le sue scenette ormai stantie, cento replay per il trucchetto che riesce e silenzio connivente su tutto il resto, magari un bel DVD dedicato in edicola che ormai RCS fa le iniziative speciali anche per le gare di rutti.
Natali si frega le mani per l'ennesimo affare che sicuramente non lo vedrà perderci personalmente e si fa le consuete 4 risate alle nostre spalle con Corbelli. Perché ci sarà bene un tornaconto per qualcuno in questi anni di scelte tecnicamente e tatticamente assurde, di bolliti strapagati.

Tanto se va male sarà colpa di Djordjevic come era colpa di Lardo. E l'allenatore di ricambio sarebbe già pronto visto che al caro GianMarco piacerebbe tanto allenare e quindi facciamogli allenare a modo suo l'Olimpia Milano: con due baristi e tre cubiste l'Eurolega è assicurata..

Comments