Non darò mai più l'MVP a Sasha Djordjevic...


Legea Scafati vs. AJ Milano 76 - 55

Non darò mai più l'MVP a Sasha Djordjevic.
Non darò mai più l'MVP a Sasha Djordjevic.
Non darò mai più l'MVP a Sasha Djordjevic.
Non darò mai più l'MVP a Sasha Djordjevic.
Non darò mai più l'MVP a Sasha Djordjevic.
Non darò mai più l'MVP a Sasha Djordjevic.
Non darò mai più l'MVP a Sasha Djordjevic.
Non darò mai più l'MVP a Sasha Djordjevic...

Dopo vado avanti fino a 100 come Bart Simpson.
Così imparo.

E si che dopo la partita con Roma gli dei del basket mi avevano illuminato e avevo visto la luce: gli allenatori non contano niente, è inutile dargli troppa importanza nel bene e nel male.

Poi dopo Varese mi sono sognato che la vittoria potesse essere merito delle motivazioni date alla squadra dallo staff tecnico nonostante la tegola dell'infortunio a Blair. E gli dei del basket si sono riuniti d'urgenza: "Oh ma allora è veramente scemo... rispieghiamogli delle cose..."

Quindi la sconfitta a Scafati è fondamentalmente colpa mia, assolutamente non di Djordjevic. Al limite dei giocatori, che però erano confusi dai trucchi divini, da ombre ingannevoli.
Ad esempio è una evidente macchinazione divina e quindi diabolica quella per cui Schultze tira 10 volte da 3 e ne insacca 6: serve a illudere noi e chi siede in panchina che si possa anche arrivare a vincere secondo strade improbabili che vedono al contempo segnare solo 6 canestri da 2 con la miseria di 18 tentativi complessivi.

Ma tutto cià non ha motivazioni tecniche e razionali.
Possiamo rimetterci in carreggiata solo con sacrifici rituali: domani tutti noi tifosi dell'Olimpia dobbiamo andare sotto un canestro, uno qualunque, e depositare delle focaccine votive modellate sui baffi di D'Antoni, accendere degli incensi aromatizzati al sudore di Dino Meneghin, sventrare dei Molten e leggerne le viscere mormorando come un mantra "1-3-1, 1-3-1, 1-3-1".
Pregare molto, pregare tutti, pregare sempre.

Bennett o Standa, per Gino pari sono: sull'arrivo di Davison vi avrei detto che il suo procuratore è Santrolli, lo stesso di Blair, Green e Calabria. E tutto era già spiegato.
Però l'hanno già detto, l'ha detto l'amico Pugliese su il Giorno. Ed è una novità e una soddisfazione: finalmente non sono più la sola "testata" che dice chiaro e tondo che tutte le scelte di Natali si spiegano con motivazioni non tecniche.
Posso andare più sereno a preparare le focaccine votive...

Non darò mai più l'MVP a Sasha Djordjevic.
Non darò mai più l'MVP a Sasha Djordjevic.
Non darò mai più l'MVP a Sasha Djordjevic.
Non darò mai più l'MVP a Sasha Djordjevic.
Non darò mai più l'MVP a Sasha Djordjevic.
Non darò mai più l'MVP a Sasha Djordjevic.
Non darò mai più l'MVP a Sasha Djordjevic.
Non darò mai più l'MVP a Sasha Djordjevic...

Comments