SMS dal Trofeo TIM


Vi consiglierei di fare l'abbonamento per quest'anno.
Così un giorno potrete dire di aver visto da vicino la nascita del talento di Danilo Gallinari. Io che oggi l'ho visto giocare dal vivo per la prima volta al massimo livello mi sono convinto che il Galletto ha tutte le carte in regola per aspirare a diventare un giocatore importante anche al di la dell'oceano. E quindi me lo voglio godere tutto l'anno, pur sapendo che potrà fare prestazioni altalenanti tra il molto bene e il così così, esattamente come stasera.

Se lo spirito che vi porterà ad a acquistare l'abbonamento e quindi al Lido o al Forum sarà questo, credo che non ve ne pentirete e non vi farete il sangue amaro.

L'importante è che contestualmente o alternativamente non speriate di ammirare:

  • la squadra che corre come la Philips di DJ, Pittis, Riva e Davis
  • la squadra migliore dei 20 anni di pallacanestro di Corbelli & Natali
  • la squadra da scudetto

Nelle 2 mini partite contro Treviso e Napoli non ho visto praticamente una azione che testimoni una squadra pensata per e convinta di correre.
Correggetemi se sbaglio ma una sqaudra che vuole correre sempre dovrebbe avere come spirito quello di avere giocatori che partono verso il canestro avversario praticamente non appena viene scoccato il tiro, giocatori da cercare come prima opzione con lunghi lanci precisi: io questa sera non ho visto nemmeno un accenno di questa mentalità...

Ho visto nella partita con Treviso un energetico Green che ha saputo rubare palloni e proiettarsi con successo a canestro. Ma quando si è passati dal backcourt bianco della Benetton agli atletoni neri di Napoli il povero Nate è stato annichilito da due roboanti stoppate in contropiede, segnando virgola contro l'Eldo.
Nel resto della squadra non ho visto uno che fosse realmente orientato al contropiede, alla corsa o alla velocità. D'altronde il sederone a semirimorchio esibito da un Tusek evanescente a tutto fa pensare tranne che all'essere built for speed.

Milano se l'è giocata con Treviso che sembra sicuramente lontana da quella scudettata perché tra Frahm e Siskaukas e tra George e Nicholas vi è grande distanza. La differenza la fa ancora una volta Goree con due bombe consecutive nel finale che spiazzano il pur positivo Watson. E' stata maltrattata da Napoli molto più di quanto dica il punteggio, messa sotto da un divario atletico quasi imbarazzante a cui appunto il solo Gallinari sembrava in grado di opporsi.

Insufficiente in tutti e due i mini match la prova di Garris, ben lontano da sembrare la guida sicura tanto attesa. Di poco spessore l'apporto di Bulleri e per ambedue imbarazzi importanti in difesa.
Abbiamo detto di Tusek e non molto di più hanno dato Blair o Schultze che abbiamo però capito essere il 4 titolare: il mistero palesatosi nei play off dell'anno scorso rimane tale.
Da 6 stiracchiato la prestazione complessiva di Gigena e Calabria.

Soprattutto contro Napoli abbiamo provato a pressare sistematicamente ma l'impressione è che sia un'approccio che fisicamente non ci potrà essere congeniale e vincente.

Pessime vibrazioni dunque stasera ma fortunatamente il campionato è ancora lontano...

Comments