Ancora!


AJ Milano vs. Benetton Treviso 58 – 49 Serie 1 – 1

La gioia al fischio finale della partita a mio parere diceva una cosa sola: Ancora!. La gioia di sapere che ci sarà un’altra serata alla grande al Forum, un’altra serata da pienone biancorosso: sarà il 2 giugno esattamente un anno dopo la veglia che poteva essere quasi funebre davanti a Palazzo Marino. E’ una di quelle coincidenze che nello sport nutrono l’epica e le leggende.
E’ facile fare considerazioni anche critiche e negative su dove fossero tutte queste persone negli anni scorsi e bui ma non bisogna essere troppo brontoloni: l’amore nasce quando le cose vanno bene, quando tutto funziona e tutto è bello.
Poi, se è amore vero, te lo porterai dentro e dietro sempre anche quando le cose si ingrigiscono.

L’Armani vince segnando meno punti rispetto alla sciagurata gara 1. Alla vigilia dei quarti ribadivamo con forza che le vittorie di Milano sarebbero venute da partite ben poco spettacolari. Poi la serie con Cantù è stata vinta in attacco con il condimento di momenti di puro spettacolo, una falsa impressione che forse ha pesato anche su gara 1.
Si è tornati invece al basket sudore e lacrime, confermando e amplificando l’impressione della gara di ritorno al Lido.

Dallo 0-2 iniziale Milano non è più in svantaggio. La carica la suona Jerry McCullough che segna da 2 in penetrazione, da tre e mette due liberi, sette punti nel 9-2 al 5′ che spinge Messina al time out.
Milano sceglie tatticamente di cercare spesso l’appoggio sotto canestro, Blair fatica a carburare ma alla lunga la scelta paga, i nostri lunghi, motivati e presenti, toglieranno parecchie castagne dal fuoco.

Importanti poi i canestri in contropiede nati dalla difesa, quei punti che per Milano sono manna e la tolgono dall’impiccio di cercarli a difesa schierata. Alla fine giochiamo anche con il cronometro o forse ci addormentiamo un po’ troppo: e lì, capiamoci, è un discorso di squadra prima ancora che di singolo giocatore.
Se nessuno taglia con l’adeguata decisione, se nessuno prende posizione per ricevere si finisce sempre con qualcuno con il cerino acceso in mano e il tempo che scade…

Mio MVP: ci ha fatto penare quando faticava a tenere in mano i lob che le nostre guardie gli recapitavano e quando indugiava troppo nel palleggio in post basso attirando le mani rapaci delle guardie biancoverdi in aiuto. Ma alla fine il conto presentato da Joseph Blair è ampiamente positivo, miglior marcatore e miglior rimbalzista, ottimo ai liberi. Da notare una peculiarità psicologica dei suoi ultimi proficui viaggi in lunetta: praticamente nessuno di Milano va a rimbalzo, a volte giusto Jerry, il più piccolo in campo. Come se volesse togliere ogni alibi dicendosi non posso sbagliare perché non siamo coperti a rimbalzo.

L’azione: sul campo la schiacciata in contropiede di Mario Gigena sopra Joey Beard è stato il momento che ha suggellato l’allungare le mani sulla vittoria.
Ma vogliamo segnalare anche Sasha Djordjevic che all’uscita dal campo si ferma a pugni stretti a incitare il pubblico: ci crede il grande DJ alla caccia all’ultimo hurrà…

Su Treviso: l’impressione è che la Benetton non sia venuta a Milano con una vera volontà di vincere la partita e di tornare al PalaVerde con il match ball a disposizione. Dopo gara 1 ci si chiedeva che conseguenze avrebbe avuto sull’Armani la scoppola subita: forse ha avuto conseguenze anche su Treviso che potrebbe anche aver pensato che, avendo il fattore campo e avendo dominato la prima apparizione può “limitarsi” a farlo fruttare.
Vedremo se sarà così: sabato ai biancoverdi è mancato emozionalmente il leader Massimo Bulleri, in campo nonostante la recente scomparsa del padre e incoraggiato dagli striscioni gemelli delle due curve, il giocatore che al di là delle pure doti tecniche è sicuramente la guida della squadra.

Siskaukas e Garnett hanno mostrato la loro natura fondamentale di tiratori di striscia, inarrestabili nella giornata giusta ma anche capaci di sparire nelle giornate negative. Il più volitivo e presente è sembrato lo scultoreo Goree che continua ad essere una ottima contraerea per Air James.

Comments