Ma come si fa...


Vertical Vision Cantù vs. AJ Milano 83 – 92 Serie 2 – 0 per Milano

Mi pare abbia vinto l’Armani, si la squadra che in 80 minuti complessivi di quarti di playoff non è ancora stata in svantaggio. Dico mi pare perché anche oggi il tabellino è al vaglio dei professionisti del rinomato Studio Corrado che lo reinterpreteranno nella maniera più corretta alla luce anche della finanziaria 2005.
Alcune indiscrezioni già filtrano: pare che i punti segnati dai giocatori resuscitati dopo soli tre giorni vadano considerati doppi mentre d’altro canto devono essere azzerati i punti dei giocatori che non accettano di buon grado sputi e oggetti in testa da parte dello sportivissimo pubblico di casa. Inoltre il disavanzo potrà essere colmato anche da circa un centinaio di canestri depositati in Svizzera e fatti rientrare per l’occasione grazie allo scudo fiscale: insomma lunedì al massimo Corrado dovrebbe annunciare la meritata vittoria della Vertical Vision e chi siamo noi per contraddirlo?

E’ una Milano che continua a smentirmi mettendo le basi per la vittoria con grandi momenti offensivi che completa con grande freddezza ed esperienza di fronte ai tentativi generosi ma confusi di Cantù di prendere la testa.
Ha un Blair solido che non si fa distrarre dagli insulti, ha un McCulluogh pugnace e tenace. Parte forte e non si guarda più indietro anche se ancora una volta raggiunto anche il più 20 si trova Cantù quasi a fianco.

Temevamo il precedente del playoff con Varese quando una squadra che aveva esperienza superiore anche all’effettiva forza crollò psicologicamente. Fino ad oggi invece l’Armani sembra aver fatto un salto di qualità da questo punto di vista esorcizzando prima il Forum e poi un “campo” sempre difficile come il Pianella.
Ora bisogna confermarsi senza sprecare il match ball di martedì sera al Forum così evitiamo di tornare nel medioevo delle corride di Corrado.

DJ: quando arrivò il divin serbo avevo espresso le mie perplessità: Lo avremmo messo in campo sulla base del suo rendimento effettivo o della sua leggenda? In gara 1 dove pure aveva prevalso la leggenda notavamo come Lardo ci era sembrato lento nel leggere il passaggio che pure c’era stato dalla leggenda alla fatica.
A Cantù la prestazione di Sale è stata ampiamente deficitaria e il suo utilizzo sproporzionato per estensione quando era evidente la fatica nel tenere Rogers in difesa e l’annebbiamento in attacco con palle perse in palleggio addirittura senza pressione.
Abbiamo vinto e quindi si può dire che Lardo pur subendo, ha tenuto saggiamente dentro Sale per calmare e far riposare McC che poi è stato decisivo nel finale. Ma avessimo perso si doveva dire che Lardo incaponendosi su un Djordjevic inciuchito di fatica buttava via la partita…

Mio MVP: il bombardamento di Dante Calabria ha scavato il solco decisivo e la conferma di Singleton come fattore costante e non solo come uomo highlights è da segnalare. Ma il primo posto del podio per me va a Jerry McCullough.
Vittima del clima infame cercato e benedetto da due ipocriti come Corrado e Sacripanti si innervosiva dopo essere stato colpito mentre effettuava la rimessa. Ma quando rientrava rimetteva subito nei ranghi un Rogers che si stava facendo pericoloso (non) marcato da DJ, attaccava il canestro in penetrazione raccogliendo tutti i liberi decisivi per chiudere il match.

L’azione: anche le piccole cose sono importanti e con le piccole cose si contribuisce come con grandi bottini. Bravo quindi Mario Gigena quando va a stoppare in stupendo recupero su Jones lanciato in solitario. Psicologicamente azione importantissima come la bomba da tre del +10 al 37′

Su Cantù: la Vertical Vision pare spaurita e svuotata e non reagisce nemmeno al doping della guerra santa che tentano di inculcare allenatore e presidente. Anzi pare soffrirlo non avendo un vero leader a cui rivolgersi.
Ma rimane pericolosa per gara tre dove dovrebbe giocare con le spalle al muro ma allo stesso tempo senza troppi pensieri per la testa.
Lazzaro Stonerook (a cui va dato atto e onore insieme a Bruno Arrigoni di non essersi uniti alle stucchevoli polemiche di Sacripanti e Corrado) è stato il migliore in campo per i biancoblu ma a parte uno sprazzo di Rogers non ha trovato molta collaborazione dai compagni.

Comments