Il volo del calabrone


Castigroup Varese vs. AJ Milano 70 - 74

AJ Milano vs. Scavolini Pesaro 70 - 57

AJ Milano vs. MPS Siena 68 - 72

Mettete che siate in un bar di San Donato Milanese a fare la pausa pranzo e ad un certo punto entri James Singleton. E' chiaramente James Singleton anche se non vola ad afferrare una bottiglia di spumante con una mano sola sullo scaffale più alto del bar: bastano il clamoroso giubbottone di pelle modello Scarface e la catenona d'oro come indizi anche se ci siamo abituati a vederlo con l'elegantissima divisa sociale Armani.
L'ho preso come un buon auspicio per la partita con Siena, nella quale ci giocavamo una parte consistente delle chance di catturare stabilmente il secondo posto: dal malaugurato infortunio che ha fatto concludere la stagione anzitempo a Diego Fajardo le cifre di Air James sono cresciute e i suoi balzi sono stati la chiave per la vittoria contro la Scavolini.

Ma la sconfitta con Siena, pur assai diversa rispetto alla spazzolata dell'andata, ha ribadito che la crescita di uno o più giocatori non basta comunque a sopperire all'assenza di Don Diego De la Flex. Non basta perché la nostra profondità, già relativa al completo, è deficitaria contro le squadre di fascia alta.
Ad analizzare oggi tecnicamente l'Armani in vista delle ultime partite e dei playoff c'è da alzare più di un sopracciglio. Oddio, è da inizio anno che si può restare stupiti dalla posizione in classifica dell'Armani: siamo una squadra con 4 playmaker che per motivi vari non sono proponibili anche da guardie, con 3 giocatori del quintetto base che non sono gli interpreti ideali del sistema di gioco preferito dall'allenatore; il migliore interprete dei nostri schemi è out per la stagione; l'unico 3 di ruolo che ha molti limiti nonostante il grande cuore; dovremmo correre e difendere molto duro ma possiamo farlo solo se non schieriamo il nostro rinforzo di primavera; il nostro secondo quintetto ha una pericolosità offensiva risibile... e potremmo continuare molto a lungo...

Mi viene in mente un detto: secondo le leggi dell'aereodinamica il calabrone non potrebbe volare ma lui le ignora e vola perfettamente. Davvero sulla carta Milano non sembra certo una squadra che può ancora lottare per un posto in Eurolega, tutta la vita vi direi che il quintetto titolare di Pesaro vale più del nostro. Anche Varese a fare la spunta dei nomi e delle cifre dovrebbe essere meglio.
Ma Milano continua a volare perché non si vola sulla carta ma nell'aria...

Penso che con molte squadre che in Europa si sono salvate pur non andando ai playoff arriveranno sul mercato un po' di giocatori interessanti con i quali sostituire Fajardo: io penso che ci voglia un giocatore molto simile, un 4 che sappia giocare sia in area che all'occasione guardare il canestro in faccia. Mi viene in mente Kelecevic per fare un esempio anche se chiaramente non si muoverà da Cantù.

Singleton gioca meglio senza il "timore" della concorrenza interna ma penso che comunque rischiamo di essere senza paracadute soprattutto se i playoff vedranno un basket molto più statico e ruminato di quanto Air James ami per sua stessa ammissione. Ma non è detto che nello strano ma succulento minestrone che è l'Armani possa fare sapore anche una aggiunta diversa, un bomber di striscia piuttosto che un realizzatore di vaglia.

Pensando all'immediato futuro, la partita con Biella non sarà una partita semplice: la squadra rossoblu lotta per una salvezza che sarebbe meritata per la qualità e serietà del lavoro svolto in tutti questi anni. Deve capitalizzare le prossime 2 partite in casa e il calore del suo pubblico con noi e con Cantù prima di chiudere a Bologna.
Per Milano, prescindendo dalla rincorsa all'Eurolega, sarebbe meglio evitare al primo turno il derby con Cantù, ormai pressoché sicura del quinto posto: anche qui sulla carta non dovrebbe esserci partita, all'andata fu un massacro per la Lauretana ma io non mi fido e penso sarà faticoso portare a casa i due punti.

Comments