Lamentarsi del brodo grasso


Montepaschi Siena vs. AJ Milano 82 - 66

Non so se avete notato ma la Milano cestistica trova sotto l'albero una Armani Jeans in testa alla classifica con sole 3 sconfitte all'attivo, maturate in trasferta contro le altre tre squadre con cui condivide la vetta.
Magari non l'avete notato perché ormai le tradizioni si perdono e a Natale non si mangiano più i tortellini in brodo, anzi ci si lamenta del brodo grasso: eh abbiamo perso male a Siena... eh ma ci manca uno scorer... eh ma allora dobbiamo tagliare Maravic... eh ma allora Blair e McCullough non valgono i soldi che prendono...eh qui... eh la...

Siccome a me piace il brodo grasso mi viene un po' da ridere, sei mesi fa non mettevamo insieme il pranzo con la cena e adesso siamo qui a pretendere che il piatto sia sempre pieno e che se non ci piace un contorno subito ne mettano in tavola un altro.
Che Milano debba essere prima per forza è una distorsione della realtà: il confronto uomo per uomo con i roster delle altre 3 squadre di vertici è praticamente sempre perdente sotto almeno un aspetto che sia il talento puro, l'atletismo, la tecnica o l'esperienza.

Milano è prima grazie al suo essere una squadra vera che veramente tira fuori somme che non sono puramente aritmetiche anche dall'ultimo uomo della panchina. Facciamo il gioco del bicchiere mezzo pieno: a Siena, Alberti dopo una sfilza di n.e. e di virgole ha dato minuti di grande sostanza, Coldebella non segnava da alcune ere e con la Mens Sana ha messo punti importanti, abbiamo avuto 10 uomini a referto lottando anche quando la situazione poteva sembrare prossima alla manifesta inferiorità.

Altro è il discorso dei soldi: Milano ha un budget importante e quindi da un certo punto di vista è "obbligatorio" che sia nelle prime posizioni. Ma è comunque vero che se domani a me danno 500.000 Euro per giocare nell'Olimpia non è che divento immediatamente un fenomeno: Natali ha strapagato Sconochini, ha strapagato Naumoski e Udrih, che strapaghi Blair è normale (Ice McCulluogh non mi sembra certo strapagato...)
Il buon Gino è un po' come quelli che pensano ai regali di Natale alla vigilia e se la devono cavare con le marche più conosciute a prezzi alti. Se magari ci pensasse tutto l'anno troverebbe più occasioni ma tant'è...

Permettetemi una nota tecnica: il valore della flex di Lardo lo si vede notando che l'Olimpia in testa alla classifica avendo come guardia titolare Mario Gigena che sta avendo una grande annata ma che nessuno sinceramente vede come top player. D'altro canto le cifre di Blair ma soprattutto di McCulluogh non sono eccezionali paragonate ad altri anni: la flex è un grande equalizzatore che può dare ma anche togliere e i nostri due per indole forse renderebbero meglio in sistemi che valorizzano di più isolamenti e pick'n'roll.
Ma siamo primi grazie a questo equalizzatore e sarebbe stupido cambiare prematuramente soprattutto guardando al girone di ritorno.

Mancano tre partite alla fine, due in casa e una fuori con Udine, arrivata ai ferri corti con Gorenc destinato a non finire la stagione in Friuli. L'Armani potrebbe fare l'en plein ma anche 4 punti sono un buon risultato capace di tenerci in vetta.
Poi nel girone di ritorno le avremo tutte in casa, Fortitudo, Benetton e Siena così come Cantù, Roma e Pesaro. Vediamo cosa faremo in casa contro le top 3 e poi riparliamone: Bologna e Siena hanno perso a Cantù dove Milano ha vinto con estrema autorità senza Blair, Treviso è caduta a Varese.
Rimango convinto che ci siano comunque superiori in una serie di playoff ma sulla partita secca (qualcuno ha pensato Final 8 di Coppa Italia? bravi...) penso che una AJ ottima (o forse impeccabile ma speriamo basti ottima ;-)...) ce la possa fare.

Le servirà il pubblico a riempire il Lido ma soprattutto il Forum. A lavorare concretamente per dare più pubblico all'Olimpia ci pensano i miei amici Max e Paola e dico di più, se va bene tra venti anni abbiamo gli eredi dei gemelli Boselli. Congratulazioni ragazzi! :-)

Auguri a tutti e gustatevi il brodo grasso! :-)

Comments