Home‎ > ‎Quick & Dirty‎ > ‎

DASPO per chi parla al conducente

pubblicato 13 feb 2014, 05:25 da Matteo Refini   [ aggiornato in data 13 feb 2014, 05:26 ]
Premessa: non ero presente alla contestazione all'Olimpia di martedì pomeriggio. Non sono quindi un testimone oculare delle vicende che potrebbero portare a oltre 48 DASPO nei confronti dei presenti.

Quello che però leggo nei resoconti della Gazzetta è questo:

c’è stato il momento del confronto dialettico […].

Al termine della riunione tecnica, e prima dell’inizio dell’allenamento vero e proprio, i tifosi si sono confrontati verbalmente con la squadra e lo staff tecnico e al termine di un dialogo acceso, ma mai degenerato, durato circa mezz’ora, hanno abbandonato il campo e la squadra ha cominciato regolarmente la seduta. […]

Per chi non lo sapesse il Divieto d'Accesso alle Manifestazioni Sportive può durare da 1 a 5 anni con o meno obbligo di firma in occasione delle manifestazioni sportive interessate.

Una accesa discussione merita un provvedimento restrittivo minimo di un anno?

Se la logica è questa ogni accesa discussione che si verificasse nel traffico dovrebbe comportare la sospensione della patente dei coinvolti. 
Perché così come discutere con un giocatore vuol dire essere di pericolo per il normale svolgimento di una manifestazione sportiva anche discutere con altri conducenti testimonia l'incapacità di comportarsi civilmente alla guida di un veicolo.

Ma forse si contesta l'interruzione di un servizio o manifestazione sportiva…

In questo caso andrebbe sospesa la patente  anche a quelli che parcheggiando ad cazzum mi bloccano il tram sulla via del lavoro almeno un giorno alla settimana.
Oppure ai loggionisti della Scala che impedissero per fischi la prosecuzione della prima andrebbe poi vietato l'accesso a qualsiasi manifestazione lirica per almeno un anno.

Stasera devo ricordarmi di non parlare al conducente: non vorrei che poi l'ATM mi bandisse dal tram fino al 2020…
Comments